Sono ben sette le tonnellate di rifiuti rimosse sabato 24 dai fondali di Sorrento, nello specchio di mare antistante Marina Grande. Le operazioni di pulizia sottomarina hanno portato alla rimozione di materiale di ogni tipo, tra reti da pesca abbandonate, nasse, pneumatici, persino pezzi di barca. L’appuntamento, che conclude una serie di interventi avviati per i fondali in città già la scorsa primavera, ha visto la collaborazione tra istituzioni e associazioni di sub. L’iniziativa è stata organizzata dall’assessorato all’ambiente di Sorrento, assieme all’area marina protetta Punta Campanella e alla società Penisolaverde. Durante le operazioni di bonifica è giunta anche una segnalazione, che ha permesso alle Fiamme Gialle di sequestrare 7chili di datteri, imbarcazione e attrezzature di pescatori abusivi nell’area di Meta di Sorrento. Determinante, per tutta l’iniziativa, il servizio svolto anche dal Nucleo sommozzatori del secondo reparto tecnico di supporto di Nisida, del nucleo navale della Guardia di finanza di Napoli (con l’intervento della vedetta veloce 5003), della Guardia costiera sorrentina, più i sub volontari  dall’Associazione “Jacques Cousteau” e i ragazzi della cooperativa Sant’Anna. Presente anche il tenente Cuneo che guida la Guardia di Finanza a Massa Lubrense.

Repubblica.it